Reni e Anima: una profonda connessione

Reni e Anima una profonda connessioneReni e Anima: una profonda connessione – Articolo di Manuela Pia

Reni e Anima: in che modo sono connessi?

Guardando l’embriologia, il rene origina nella regione del collo, poi migra in basso a livello dell’osso sacro e risale nella regione lombare.

Tra l’altro, il rene ha delle caratteristiche che indicano che non appartiene alla regione in cui risiede, ma che è, appunto, migrato.

Al contrario di tutti gli altri organi addominali, è solo ricoperto e non avvolto dal peritoneo.

In più è un organo pari, in contraddizione a tutti gli organi addominali che sono asimmetrici.

Reni e Anima: una profonda connessione

Rudolf Steiner affermava che il rene regola l’elemento aria nell’organismo.

Infatti, quando un paziente aveva problemi di adenoidi, egli faceva applicare un impacco di estratto di Berberis Vulgaris (crespino) a livello pelvico, sulla vescica.

Il rene segue i movimenti del diaframma perché è fissato in maniera molto lassa, andando anche qui a dimostrarci quanto sia affine con l’organismo aereo.

Se poi osserviamo a livello anatomico, l’orecchio è in relazione con la faringe attraverso la Tuba di Eustachio, mentre il rene e i bacinetti renali sono collegati con vescica attraverso gli ureteri.

Come il rene si trova al di fuori della cavità addominale, perché è un organo extraperitoneale, cioè non avvolto dal peritoneo, anche l’orecchio esce al di fuori della testa.

Malformazioni auricolari sono spesso collegate a malformazioni renali e anche nella medicina cinese un padiglione auricolare molle significa poca energia nei meridiani dei reni.

Il rene espelle l’acqua, quindi ha un rapporto negativo con l’elemento liquido.

Il rene non determina una fluidificazione, ma un prosciugamento, il quale è una funzione dell’aria.

E per questo il sintomo della mancanza d’aria è peculiare del rene.

Nelle forme di insufficienza renale, uno dei sintomi è proprio l’alterazione del respiro.

Il nefrone (prolungamento tubulare del glomerulo renale) ha un doppio decorso convoluto intorno al glomerulo e questo percorso alternato, su è giù, tra linea curva e dritta, questo continuo ondeggiare, è tipicamente un gesto astrale.

Facendo un collegamento tra microcosmo e macrocosmo, è chiara una profonda connessione tra lo spirito e la materia.

Ogni parte del corpo è collegata con il Cielo e con la TerraTweetta!

Vedendo il sistema planetario inserito nel corpo umano, troviamo il pianeta Venere, che interagisce con il rame e con il rene.

Il colore associato al rene è il verde scuro, la pietra è lo smeraldo, le piante sono il salice e la betulla.

La funzione fisiologica del rene è quella di secernere urina, quella spirituale è di irradiare la Luce verso la parte superiore del corpo.

Reni e Anima: una profonda connessione

Reni e anima hanno una profonda connessione a livello sottile.

La caratteristica astrale del rene, di questo suo ondeggiare tra due tendenze opposte, si manifesta prima a livello embrionale, poi a livello morfologico e poi nella fisiologia.

Infatti il rene produce 170 litri di urina, ma ne espelle solo un litro e mezzo; e la composizione ugualmente si muove tra due poli opposti: la preurina è molto diluita, ma l’urina è molto concentrata.

Questo su e giù è caratteristico dell’elemento aria in cui agisce l’astrale, ciò si vede nel salire e scendere delle correnti atmosferiche e del respiro.

Lo stesso troviamo anche nella sfera del sentimento dove si è tra due polarità: felici o tristi.

Questa connessione di reni e anima, della vita animica, la notiamo anche quando c’è un’emozione, in particolare la paura, perché la vescica si riempie più in fretta.

Anche uno shock grave può portare ad un’insufficienza renale acuta.

Anche il surrene ha la funzione di reagire alle tensioni quando sono troppe e porta a malattia.

L’asma, che si manifesta a livello dei polmoni, ha le sue radici nel rene, cioè dove avviene la regolazione dell’organismo aereo.

Infatti i preparati più efficaci sono le terapie surrenaliche.

Reni e Anima: una profonda connessione

Il bambino asmatico subisce l’azione del mondo esterno, accoglie troppa aria e non ne lascia uscire abbastanza.

Vive in una sensazione di imprigionamento.

Con questa sua difficoltà a respirare, l’anima rimane imprigionata nella corporeità.

Il bimbo adenoideo ha problemi di inspirazione e l’anima non riesce ad incarnarsi a sufficienza perché si lega poco al corpo, e anche nella fisionomia si vede la tendenza a rimanere “al di fuori”: tiene la bocca aperta, con le orecchie a sventola e gli occhi sporgenti.

Addirittura si può notare l’assenza della piega naso labiale che è un indice che il corpo astrale non segna il corpo fisico.

Il rene ha proprio questa facoltà di temperare, cioè trovare la conciliazione tra forze opposte, regolare l’umore.

Un’altra cosa interessante che vediamo nella fisiologia del rene è l’analogia tra la forma curva della corticale renale e la forma dritta della midollare, che sono la polarità dell’organo rene, e la polarità della figura umana, il contrasto fra capo e membra.

In Bulgaria, i reni sono considerati gli organi della giovinezza.

In Oriente, con i loro canali energetici, i reni fanno parte di un sistema molto importante per tutto il corpo.

Essi, secondo questi guaritori, sono il deposito dell’energia pura che, se è insufficiente, porta a irritabilità, alterata visione, sudorazione notturna.

La Medicina Tradizionale Cinese professa un coinvolgimento dei meridiani dei reni in diverse caratteristiche quali la determinazione, la volontà, la pazienza, l’attività intellettuale e sessuale, il potere personale.

Il Chakra coinvolto è il primo: Muladhara.

Fondamentale è bere molta acqua durante il giorno per aiutare i nostri reni a mantenersi sani e attivi, eliminando efficacemente le scorie fisiche, ma anche emotive ed energetiche.

Reni e Anima: una profonda connessione – Articolo di Manuela Pia

PS:
Guarda questo simpatico, ma istruttivo video sul funzionamento dei reni ;):

PPS:
Se ti è piaciuto “Reni e Anima: una profonda connessione”, se hai domande, dubbi o altro da condividere, lascia il tuo gradito commento qui in basso, Grazie! 😉