Come sconfiggere l’insicurezza e autorealizzarsi


Come sconfiggere l'insicurezza e autorealizzarsiCome sconfiggere l’insicurezza e autorealizzarsi – Articolo di Valentina Demelas

Cos’è l’insicurezza?

Mancanza di fiducia in sé stessi, nelle proprie capacità, incertezza, titubanza.

Addirittura, in alcuni casi, senso di inferiorità nei confronti di una persona, di un compito o di una situazione.

Non sentirsi all’altezza, non abbastanza, non meritevoli.

L’insicurezza è un’energia strettamente collegata alla mancanza di Potere Personale.

Nel precedente articolo abbiamo visto la differenza tra il Vero Potere Personale e il potere nella sua accezione comune (anche in relazione al rapporto con il denaro).

È sempre bene ricordare che il potere personale non è il potere che viene esercitato sugli altri, ma è la padronanza di sé stessi, l’amore e il rispetto per se stessi, la capacità di gestire i pensieri e le emozioni, superare le paure e le illusioni riconoscendole come tali.

Come sappiamo, quando non si è nel proprio Vero Potere Personale si è titubanti, timorosi riguardo le azioni da compiere, a volte anche letteralmente bloccati fisicamente dalla paura.

Paura di sbagliare, di soffrire ancora, di essere ingannati, umiliati, delusi, di fare del male a se stessi e agli altri, paura di perdere tutto.

Paura di uscire dalla famosa zona di comfort tanto cara alla nostra mente razionale, che ci trattiene dal compiere quel piccolo passo fuori dal limite delle nostre certezze, convinzioni, andando oltre ciò che conosciamo, che abbiamo sempre conosciuto nella nostra vita.

L’Ego ci protegge dai possibili fallimenti, ma non ci dà la felicità, poiché ci trattiene in una dimensione in cui non siamo veri, autentici, in realtà recitiamo una parte, anziché essere noi stessi.

Essere noi stessi significa anche seguire la nostra Voce Interiore con fiducia, con forza, con Amore.

Ciò che sperimentiamo, quando ci aggrappiamo alle illusioni dell’Ego, non è comunque uno stato di serenità, poiché anche se la mente è tranquilla in apparenza, il corpo ci dice che non siamo sulla strada giusta.

Si può dunque convivere con uno strano senso di agitazione interiore, ansia, insonnia, tristezza, o, molto più spesso, sentire un peso costante allo stomaco, finanche arrivare a disturbi più seri come ulcera e gastrite.

Lo stomaco infatti è l’organo collegato al Plesso Solare, al Terzo Chakra, il centro energetico del Potere Personale, ovvero della capacità di agire energicamente, della volontà, dell’autostima, della percezione di noi stessi e dell’autonomia personale.

In senso spirituale il Terzo Chakra rappresenta la nostra Essenza, l’energia attiva di cui siamo fatti.

Come sconfiggere l’insicurezza e autorealizzarsi?

Realizzarsi significa letteralmente “realizzare se stessi” cioè rendersi reali, rendere concreta l’energia della propria Essenza, sperimentandola nella Materia.

Auto-realizzarsi significa farlo da sé, autonomamente, senza chiedere ad altri di farlo per noi.

In sostanza autorealizzarsi significa essere nel proprio vero e pieno Potere Personale, di conseguenza andare oltre l’insicurezza.

Il Vero Potere Personale di fatto annulla l’insicurezza, poiché quando siamo realmente noi stessi, siamo sicuri di ciò che facciamo, diciamo, vogliamo.

Siamo presenti a noi stessi.

Andiamo – come si dice – dritti per la nostra strada, guidati dall’Amore e dalla Verità che sentiamo dentro di noi e non lasciamo che i dubbi ci mandino in crisi.

Non importa ciò che pensiamo noi o ciò che pensano gli altri.

Importa ciò che sentiamo.

Come possiamo, quindi, passare dall’insicurezza all’Autorealizzazione?

Sicuramente è importante, come detto prima, lavorare sul Terzo Chakra, con esercizi che agiscano sull’apertura, sull’equilibrio e sulla pulizia costante di questo nostro fondamentale centro energetico.

È molto utile anche utilizzare tecniche di mindfulness per allenarci a porre attenzione consapevolmente e senza giudizio su ciò che è nella nostra mente.

Anche la meditazione, la visualizzazione creativa e lo yoga sono strumenti preziosi per raggiungere la padronanza della mente con amore e dolcezza.

Ma per poter cambiare davvero non è sufficiente calmare o addomesticare la mente per risolvere il problema.

È necessario lavorare in profondità, trasformando l’energia che è la causa del problema.

È questa la differenza tra i numerosi e validissimi “strumenti”, anche spirituali, a nostra disposizione, come la meditazione, e la Riprogrammazione Energetica del Punto Zero, tecnica utilizzata durante i training Base e le sessioni Gold dell’EnergetiClub.

La Riprogrammazione Energetica del Punto Zero è una tecnica che va a riprogrammare le radici energetiche dei Condizionamenti, dei Programmi e delle Memorie che sono alla base della creazione della vita di ognuno di noi.

La Riprogrammazione Energetica del Punto Zero che si impara al Quarto Livello della Scuola di Coaching Energetico ci porta al cambiamento concreto e reale, manifestato nella materia.

Tutto questo è davvero possibile, osservando semplicemente, per vederci realmente per la prima volta o riscoprirci, imparando qualcosa di molto prezioso su noi stessi.

Applicare l’osservazione del respiro, del dolore, del corpo, dell’emotività, imparando la forza della concentrazione, la potenza infinita del “Qui e ora”, la gioia dell’esplorazione, l’amore dell’accettazione e la meraviglia della trasformazione.

Come sconfiggere l’insicurezza e autorealizzarsi – Trasformare l’Energia

Oggi sappiamo che tutto ciò che ci circonda è vibrazione ed energia in movimento.

È stato provato scientificamente che tutto l’Universo è fatto di energia e, di conseguenza, anche ciò che noi percepiamo come materia.

L’energia è composta da particelle o da onde in costante movimento, espresse da una vibrazione che può essere misurata in frequenze o cicli/secondo.

Poiché attraiamo nel nostro campo energetico ciò che è in risonanza con la nostra vibrazione, l’energia che è dentro di noi crea la realtà fuori di noi.

Creiamo la nostra realtà, la nostra vita quotidiana, in base all’energia che abbiamo dentroTweetta!

L’energia è anche fatta di convinzioni, blocchi, credenze limitanti, ferite del nostro bambino interiore, traumi, emozioni

Ad esempio, semplificando, una persona che ha in sé l’energia del tradimento, si troverà a vivere relazioni in cui verrà tradita, o magari per paura di subire il dolore del tradimento, tradirà per prima, mettendo in atto una sorta di protezione preventiva.

Questo si ripeterà ciclicamente, finché non si arriverà alla consapevolezza di questi meccanismi oppure la sofferenza sarà talmente grande da portare quella persona al limite della sopportazione e quindi alla ricerca di una soluzione per stare finalmente meglio.

È davvero possibile andare oltre il dolore, affrontare le piccole o grandi sfide e prove della vita con forza e coraggio, stare bene nonostante le condizioni esterne, nonostante tutto.

Si può cambiare in meglio la propria vita, superare i vecchi schemi, i problemi ricorrenti, basta volerlo con tutto il cuore, e agire concretamente per ottenere ciò che si desidera.

Nell’EnergetiClub facciamo ogni mese una trasformazione energetica ed emotiva di dinamiche/problematiche relative al Potere Personale grazie al Coaching Energetico.

La prossima Sessione è Giovedì 25 Gennaio:

“Dall’insicurezza all’Autorealizzazione”.

Per partecipare in diretta dal tuo PC, ISCRIVITI ALL’ENERGETICLUB.

Clicca qui per scaricare l’ebook omaggio “I 3 segreti della Leadership Energetica”

Solo ritrovando il nostro Potere Personale – e quindi andando oltre a tutti gli schemi mentali che ci limitano – ci autorealizziamo, ovvero andiamo oltre l’insicurezza e ritroviamo noi stessi.

Di conseguenza, creiamo tutte le condizioni per vivere la vita felice che abbiamo sempre desiderato, completa, prospera e appagante sotto ogni punto di vista.

Come sconfiggere l’insicurezza e autorealizzarsi – Articolo di Valentina Demelas

PS:
Guarda che bella questa Riprogrammazione Energetica del Punto Zero di pulizia emozionale e ricarica energetica ;):

PPS:
Se ti è piaciuto “Come sconfiggere l’insicurezza e autorealizzarsi”, se hai domande, dubbi o altro da condividere, lascia il tuo gradito commento qui in basso, Grazie! 😉