Chi Sei? La Domanda dalla quale Dipende la Tua Vita


Chi sei domanda vita

Chi Sei? La Domanda dalla quale Dipende la Tua Vita – Articolo di Raffaella Menolfi

Chi Sei? Sembra la domanda più banale del mondo e quella a cui, apparentemente, è molto semplice dare una risposta.

Si risponde col proprio nome, a volte il cognome, la località di provenienza e, spesso, con la propria professione.

Ma questa risposta corrisponde alla verità? Quanto dichiarato corrisponde esattamente a quello che sei? O in questa risposta ci sono dei grossi limiti?

E adesso ti starai chiedendo: come, non sono nome, cognome, località, lavoro etc.? Allora, chi sono io?

Questo è positivo. Concediti il beneficio del dubbio, perché il dubbio ti permette di ampliare la mente e accettare altre risposte, più vere e profonde, sulla tua reale identità.

Mentre se ti chiudi rimani lì, nel tuo mondo di risposte limitate e limitanti.

Se invece ti fai le domande, ti apri all’opportunità di scoprire cose nuove, sorprendenti e meravigliose.

Tra le varie domande, Chi Sei? è probabilmente tra quelle più potenti.

Ti permette di scavare gradualmente dentro di te, di capire il vero e unico scopo di questa esistenza terrena e di vivere libero e felice.

Farsi le giuste domande comunque non basta, serve anche il coraggio di continuare ad andare in profondità dentro di sé per mettere in atto un reale processo di trasformazione interiore.

Così come non basta frequentare un corso un paio di volte l’anno per dire che si sta facendo un lavoro profondo su di sé.
Non puoi pensare che un corso possa risolvere tutti i tuoi problemi, e magari dare la colpa ad altri se non cambia niente nella vita di tutti i giorni.

No, troppo comodo così. 🙂

Il lavoro va fatto giorno dopo giorno, con continuità e costanza.
Ci vuole il coraggio di porsi le domande ma anche la forza di accettare le risposte, andare avanti e approfondire.

Il resto sono tutte scuse, create dalla mente, per rallentare l’evoluzione:

  • non ho soldi,
  • non so usare il pc,
  • non sono capace,
  • nessuno mi aiuta,

Si tratta di credenze, di programmi che tengono ancorati lì, al punto di partenza e al giudizio nei confronti di chi, invece, ha la capacità di trovare tutte le risorse, dentro e fuori di sé, per proseguire il proprio cammino.

La domanda Chi Sei? sarà oggetto del terzo training del Master in Coach Mindset (CM): Allinea Mente, Cuore e Spirito per aiutare gli altri a trovare la loro strada.

Nell’EnergetiClub facciamo ogni mese una trasformazione energetica ed emotiva di dinamiche/problematiche relative al Potenziamento Personale grazie al Coaching Energetico.

La prossima Sessione è Lunedì 14 Gennaio:

“Identità da Coach – La domanda dalla quale dipende la tua vita: chi sei?”.

Per partecipare in diretta dal tuo PC, ISCRIVITI ALL’ENERGETICLUB.

Clicca qui per scaricare l’ebook omaggio “I 3 Livelli del Coaching Energetico.”

Di cosa abbiamo parlato fino ad ora nel nuovo Master?

Il nuovo Master in Coach Mindset dell’EnergetiClub è iniziato a Novembre 2018.

Nel primo training Mentalità da Coach – 4 strategie da Coach per Potenziare la tua vita oggi stesso, si è parlato di cosa è il coaching e, come dice il titolo, delle strategie a disposizione del coach, cioè gli strumenti che usa innanzitutto per aiutare se stesso a raggiungere i propri obiettivi e poi, se vuole, anche per aiutare gli altri.

Perché il coach è una guida, per se stesso e anche per gli altri.

Gli altri potrebbero essere i propri clienti, se gli strumenti del coach vengono usati all’interno di un’attività professionale di coaching.

Ma gli altri, potrebbero essere anche amici, parenti e conoscenti che, in una fase della loro vita, hanno bisogno di guida, sostegno e supporto per andare avanti.

Quindi, chi conosce gli strumenti del coaching può aiutare gli altri anche senza necessariamente svolgere l’attività a livello professionale.

Basta semplicemente conoscere gli strumenti giusti, da usare al momento giusto.

Il coach ascolta il suo cuore e di fronte alle difficoltà della vita, non si ferma alla lamentela e all’incolpare gli altri, ma vede i problemi come opportunità per crescere, imparare la lezione e evolvere.

Il coach conosce e utilizza il suo potere personale.

Tra gli strumenti di cui si è parlato durante la prima serata ci sono le domande potenti ed efficaci.

Non tutti i tipi di domande vanno bene.

Ci sono quelle utili e quelle meno utili, quelle che permettono alla persona di aprirsi e trovare nuove opportunità e nuove risorse e quelle invece che la lasciano chiusa nel proprio guscio o che la fanno rimanere nella sofferenza.

Poi si è parlato delle caratteristiche degli obiettivi e della differenza tra obiettivi finali e di performance.

Si è parlato del rimbalzo della domande, cioè di rispondere ad una domanda con un’altra domanda e, infine del dialogo interiore, cioè di come quello che dici a te stesso influenza la tua vita.

Di cosa abbiamo parlato fino ad ora nel nuovo Master? – Secondo Training

Nel secondo training Libera gli altri dalla Prigione! – Indipendenza nella vita, oltre i Programmi mentali si è parlato di:

  1. Cosa sono i programmi mentali e come ci imprigionano.
  2. Come liberarsi dalla prigione mentale e andare oltre i programmi.
  3. Come essere indipendenti emotivamente nella Vita relazionale.

Durante la serata si è parlato tanto di Matrix, della Matrice, del software operativo che raccoglie tutti i nostri programmi.

Come si formano i nostri programmi e come ci influenzano?

Il cervello raccoglie tantissime informazioni, le elabora e le sintetizza a modo suo, creando così dei programmi.

Alcuni sono utili, altri sono utili per un certo periodo di tempo, altri sono inutili e a volte dannosi, purtroppo però, una volta installati è difficile liberarsene.

Durante la serata sono stati fatti anche dei giochini per capire come funziona veramente la nostra mente: in alcuni casi cancella delle informazioni, in altri le aggiunge dove mancano.

Davvero sorprendente! E queste cose è giusto saperle, perché noi funzioniamo realmente così: ognuno elabora il mondo a modo suo.

Il mondo è sempre uguale per tutti, ma ognuno di noi lo interpreta in modo diverso in base a quella che è la sua mappa, cioè il suo software, i suoi programmi.

Per alcuni un’esperienza può essere positiva e per altri negativa, anche se, oggettivamente, l’esperienza vissuta è la stessa.

Si è poi parlato delle caratteristiche di questi programmi e di come riuscire a disinstallarli, partendo dal riconoscimento di avere quel tipo di programma.

Se lo riconosci, puoi disattivarlo, altrimenti continuerà a operare a tua insaputa.

Una volta capito come funziona il cervello si può sfruttare per usarlo nella maniera più congeniale: è possibile creare nuovi programmi più funzionali al raggiungimento dei propri obiettivi.

Durante la serata sono stati creati e inseriti dei nuovi programmi attraverso la Riprogrammazione Energetica del Punto Zero.

Noi abbiamo il potere di creare la nostra vita. Possiamo disattivare vecchi programmi e crearne di nuovi. Tutto è possibile, basta crederci, avere fede.

C’è crisi è un programma.
Il lavoro è duro e faticoso è un altro programma.
Ma anche: vivo nel flusso dell’abbondanza infinita o il lavoro è facile e piacevole sono programmi.

I programmi in alcuni casi si manifestano come pensieri che abbiamo nella testa anche se non ne siamo coscientemente consapevoli.

Potendo scegliere, quali sceglieresti? Scarsità e fatica o abbondanza e facilità? 🙂

Noi siamo i nostri pensieri e con i nostri pensieri creiamo la nostra realtà. Cambiamo pensieri e cambia la realtà.Tweetta!

Questa conoscenza è oramai dimostrata dalla fisica quantistica: tutto ciò che ci circonda è energia, e questa energia la controlliamo con i nostri pensieri.

Oltre al pensiero è importante anche la frequenza, la vibrazione con cui esprimiamo questo pensiero.

Se infatti parliamo di abbondanza, ma dentro di noi abbiamo una sensazione/vibrazione/frequenza di scarsità, al di là del pensiero ci colleghiamo all’energia della scarsità e sarà questa che attireremo nella nostra vita.

Ritorniamo alla domanda all’inizio dell’articolo: Chi Sei?

Sei energia, sei creatore (consapevole o meno) della tua vita e trasformatore di energia.

Tutto quello che vedi, tutto il tuo mondo esteriore, l’hai creato tu con la potenza del tuo pensiero e delle tue vibrazioni.

Sì, sembra assurdo, ma è così. 🙂

Anche esperienze spiacevoli e negative le hai create tu, certo, non volontariamente, ma magari attraverso vari programmi che neanche sai di avere.

Per questo è importante conoscere il funzionamento del cervello e, soprattutto, è importante imparare a sviluppare una Mentalità da Coach, la mentalità di una guida, che aiuta se stesso e gli altri a trovare la propria strada.

Chi Sei? La Domanda dalla quale Dipende la Tua Vita

Chi sei domanda vita

Sei energia e sei circondato da energia, tutto è energia.

Se hai idee, intenzioni e obiettivi chiari e validi strumenti per sfruttare a pieno tutto il potenziale della tua mente, che è immensa e meravigliosa, puoi incanalare l’energia nella giusta direzione e creare la vita che desideri, la vita dei tuoi sogni.

Certo, non può succedere tutto dall’oggi al domani.

Come già detto ci vuole coraggio, impegno, costanza, determinazione e anche tanta pazienza.

Se invece le idee ancora non sono molto chiare, attraverso il Master in Coach Mindset, oltre ad avere gli strumenti che ti servono per raggiungere gli obiettivi, hai la possibilità di:

  • fare chiarezza dentro di te,
  • capire cosa lasciare andare e cosa tenere,
  • quale direzione prendere, seguendo la strada del cuore.

Infatti, è solo il cuore che sa la strada giusta per ognuno di noi, basta fermarsi e ascoltarlo.

Una vera guida sa ascoltare il suo cuore e aiutare gli altri a fare altrettanto.

Chi Sei? La Domanda dalla quale Dipende la Tua Vita – Articolo di Raffaella Menolfi

PS:
Guarda che bella questa Riprogrammazione Energetica del Punto Zero di pulizia emozionale per sintonizzarti sulle frequenze dell’Amore e dell’Abbondanza ;-):

PPS:
Se ti è piaciuto “Chi Sei? La Domanda dalla quale Dipende la Tua Vita”, se hai domande, dubbi o altro da condividere, lascia il tuo gradito commento qui in basso, Grazie! 😉