Sequenza di Fibonacci e Punto Zero

Sequenza di Fibonacci e Punto Zero[Sequenza di Fibonacci e Punto Zero – Articolo di Michela Nardone]

Tutto è Uno.

La continua ricerca dell’Uno ci spinge a esplorare territori inusuali, a superare il consueto, a individuare collegamenti e legami inattesi.

Il percorso che stiamo seguendo per la conquista di una coscienza superiore, per il raggiungimento di una felicità che non sia solo quella materiale può sembrare, ad una prima impressione, guidato da discipline tradizionalmente più “umanistiche” come la filosofia, la psicologia.

Uno dei settori che meno ci si attende di dover incontrare è la matematica.

Vista sempre con uno sguardo di sospetto per la sua complessità, in realtà ha sempre affascinato i grandi pensatori.

Non a caso filosofi come Pitagora avevano compreso l’importanza della matematica come strumento che potesse spiegare e descrivere l’Universo, i fenomeni e gli eventi che lo determinano.

Non deve sorprendere, quindi, che quelli che possono sembrare sterili teoremi e principi possano avere così profonde conseguenze.

La Sequenza di Fibonacci

In questa occasione ci soffermiamo sulla Sequenza di Fibonacci, matematico pisano del 12° secolo che intuì la sequenza numerica a lui intitolata, costituita da numeri in cui il successivo è somma dei due precedenti:

0,1, 1, 2, , 5, 8, 13, 21, 34, 55, 124…..

Il rapporto tra ogni numero e il suo precedente tende a 1,618033.., numero irrazionale chiamato φ, o sezione aurea.

FibonacciQuest’ultima, al pari della stessa sequenza è riscontrata in molti aspetti delle scienze, sia umane che naturali.

Nei loro studi di anatomia, già gli antichi Greci avevano sintetizzato la perfezione delle proporzioni del corpo umano, e quindi della bellezza, individuando nella sezione aurea il rapporto ideale tra varie parti del corpo umano.

In botanica, si è riscontrato che quasi sempre le foglie seguono la sequenza nella loro disposizione lungo lo stelo, per consentire ad ognuna di esse di ricevere il sole e l’acqua senza interferire sulle altre foglie.

La Spirale

Sequenza di Fibonacci Punto Zero SpiraleQuesti brevi esempi suggeriscono come la Sequenza di Fibonacci vada a scoprire gli elementi di perfezione e di equilibrio presenti nell’Universo.

Ma l’espressione più alta di tutte le sue potenzialità è rappresentata dalla spirale, che, partendo dalla sequenza si può costruire inscrivendo quarti di circonferenze in quadrati adiacenti aventi come lato i numeri della successione:

La spirale è infinita, parte dal Punto Zero e si espande.Tweetta!

Il fascino intrinseco della figura in sé e l’assiduità con cui la natura la replica in alcune delle sue espressioni più belle determinano, senza che possa essere motivo di stupore, una profonda influenza della Sequenza di Fibonacci nell’esistenza umana.

“La natura ama le spirali logaritmiche: dai girasoli alle conchiglie, dai vortici agli uragani alle immense spirali galattiche, sembra che la natura abbia scelto quest’armoniosa figura come proprio ornamento favorito”. Mario Livio

Se osserviamo la forma della spirale, infatti, vediamo come essa si spinga, con intensità sempre maggiore, determinata dalla progressione geometrica, verso l’esterno, ma che sempre, sempre, mantenga il suo punto fermo nel centro, quello che possiamo chiamare Punto Zero, da cui tutto parte e a cui tutto torna.

La Sequenza di Fibonacci e Punto Zero

Anche la nostra stessa esistenza si realizza attraverso la sequenza di Fibonacci:

ogni punto, ogni conquista è sempre la somma di quanto fatto, vissuto e acquisito in precedenza.

E il nostro cammino, a ben vedere, non è una linea più o meno retta che va da A a B, ma più ragionevolmente una spirale.

Dalla nostra nascita, che è il nostro personalissimo Punto Zero, sviluppiamo le nostre conoscenze ed esperienze, estendiamo i nostri orizzonti senza distaccarci mai da quell’origine, bensì ampliando il nostro bagaglio, certamente anche materiale, ma soprattutto energetico ed emozionale.

Talora, tuttavia, sembriamo dimenticarlo e vorremmo solo scappare in linea retta, convinti che allontanarci da noi stessi possa renderci più felici.

Invece il Punto Zero – ricordiamoci delle conchiglie, ripensiamo alle galassie – è il nostro tutto, il nostro Uno.

È lì che dobbiamo tendere, è la nostra forza più grande: comprende un’infinità di vibrazioni e di energie, ci mette in collegamento con l’intero Universo.

La Sequenza di Fibonacci e Punto Zero

Il ritorno al Punto Zero e la sua Riprogrammazione Energetica sono la più importante forma di consapevolezza, che ci consente di vivere appieno il nostro Scopo di Vita e percepire le nostre emozioni.

Infatti, nel Punto Zero si annidano – e si annodano – tutte le radici energetiche che hanno determinato i nostri condizionamenti, le nostre credenze limitanti, quei programmi automatici con cui conduciamo inconsapevolmente la nostra esistenza.

E in questo meraviglioso viaggio, che da soli è difficile compiere, la Riprogrammazione Energetica del Punto Zero può essere una splendida compagna di viaggio.

Immersi in uno stato di coscienza molto profondo, ci daremo finalmente il permesso gestire l’Energia del Punto Zero per trasformare energeticamente i condizionamenti limitanti, le emozioni, le memorie in tutte le dimensioni e in tutti i tempi.

E poterne venire fuori liberi, consapevoli delle nostre potenzialità e capaci di sfruttarle appieno.

Padroni di creare la realtà che vogliamo.

[Sequenza di Fibonacci e Punto Zero – Articolo di Michela Nardone]

PS

Se ti è piaciuto “Sequenza di Fibonacci e Punto Zero”, fallo conoscere ai tuoi familiari e ai tuoi amici su Facebook, grazie.

PPS

Guarda che bello questo video sulla Sequenza di Fibonacci: